Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Il Vangelo di oggi
per la famiglia

Vangelo di oggi + immagine + catechesi

Sabato, XVIII settimana del Tempo Ordinario

Scarica
Testo del Vangelo (Mt 17,14-20): Si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto». In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo». E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito.

Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi, il Vangelo ci mostra un dettaglio molto importante che certe volte passa inosservato. L'uomo raggiunse Gesù Cristo inginocchiandosi. Secondo le zone, non he moda “agginocchiarsi”. Curioso! Abbiamo perso questa sana abitudine, esclusiva degli esseri umani. Infatti, l'uomo non è mai così uomo come quando si inginocchia.

—Conclusione: Quel padre subito ottenne quello che voleva restando in ginocchio. Certo!, Quando trattiamo Dio come Dio, allora permettiamo che Dio agisca come Dio.

Il nuovo sito evangeli.net è ora disponibile. Ci auguriamo che la distribuzione del contenuto e delle nuove funzionalità faciliti la lettura e la meditazione del Vangelo e del suo commento.