Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: 28 Ottobre: Santi Simone e Giuda, Apostoli

Testo del Vangelo (Lc 6,12-19): In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore (...).

San Simone e san Giuda, apostoli

REDAZIONE evangeli.net (tratte da testi di Benedetto XVI)
(Città del Vaticano, Vaticano)

Oggi vada una riflessione pure su Giuda Taddeo (da non confondere con Giuda Iscariote). A Giuda Teddeo viene attribuita la paternità di una delle lettere del Nuovo Testamento, le cosiddette “cattoliche” perchè non vanno dirette a una Chiesa locale determinata, ma “a quelli che sono stati chiamati, amati da Dio Padre e destinati a Gesù Cristo”.

Questa lettera ha, come tema centrale, mettere in guardia i cristiani davanti a tutti quelli che prendono, come scusa, la grazia di Dio per giustificare le loro abitudini depravate e per sviare altri fratelli con dottrine inaccettabili. L’autore di questo modo di pensare, vive pienamente la sua fede, della quale formano parte grandi realtà, come l’integrità morale e la gioia, la fiducia ed in fine la lode, tutto mosso solamente dalla bontà del nostro unico Dio e per la misericordia di nostro Signore Gesù Cristo

-Voglia il Cielo che l’apostolo Giuda Taddeo ci aiuti a riscoprire sempre la belleza della fede cristiana, sapendo darne prova con coraggio.