Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Ultima newsletter: Lancio dell'edizione in cinese
Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Sabato VI di Pasqua

Testo del Vangelo (Gv 16, 23-28): «In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete». In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena. Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio. Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

Illustrazione: Pau Morales

Oggi non ci sembra già strano avere Dio come il nostro Padre celeste. Ma 2000 anni fa questa fu una scoperta: Gesù rivelò il mistero del Dio Trinitario. Grande Mistero!: Dio è unico (c'è un solo Dio), ma non è un "Essere solitario". Con ragione Gesù diceva: «Sono uscito dal Padre e torno al Padre».

—Da coraggo alla tua fede: vai a Dio Padre per mezzo di suo Figlio. Gesù Cristo è il nostro miglior alleato!