Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Giovedì, XI settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 6,7-15): Gesù disse ai suoi discepoli: «Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole». In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.

»Voi dunque pregate così: 'Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male'. Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

Illustrazione: Francesc Badia

Oggi Gesù ci insegna a pregare. E 'facile! Non si tratta di fare grandi discorsi per impressionare Dio. Gli unici che impressionano Dio sono gli umili, i piccolo ... Gesù è venuto sulla terra piccolo, senza fare rumore! (E 'lo stile di Dio). Parlare con Dio è semplice. Gesù ci invita a parlare con il Padre come Lui fa: da Filgio a Padre. "Padre nostro, che sei nei cieli ...".

-Parlagli con il cuore, come ai tuoi genitori ...