Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Sabato, XXII settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Lc 6,1-5): E diceva loro: «Il Figlio dell’uomo è signore del sabato». Un sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani. Alcuni farisei dissero: «Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?». Gesù rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Come entrò nella casa di Dio, prese i pani dell’offerta, ne mangiò e ne diede ai suoi compagni, sebbene non sia lecito mangiarli se non ai soli sacerdoti?». E diceva loro: «Il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi Gesù torna a difenderci dalle stupidagini dei farisei. Si vede che alcuni discepoli stavano passeggiando con il Signore. Poiché avevano fame, cominciarono a strappare le spighe per mangiare il grano (come se avessero preso “popcorn”). Ma, quale errore! Era sabato. È peccato, dicevano i farisei. Ma questo non lo diceva Dio, lo avevano inventato i farisei.

—La cosa drammatica è che 20 secoli dopo continuiamo a fare la stessa cosa: amiamo la “religione alla carta”… Ci inventiamo la religione (di solito coincide con quello che ci piace). Non è più una cosa di Dio! Sono io che dico a Dio come sono le cose...