Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Lunedì, XXVI settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Lc 9,46-50): Nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Chi infatti è il più piccolo fra tutti voi, questi è grande».

Giovanni prese la parola dicendo: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo impedito, perché non ti segue insieme con noi». Ma Gesù gli rispose: «Non lo impedite, perché chi non è contro di voi, è per voi».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi siamo sorpresi dalla discussione che racconta il Vangelo. Da vergogna: discepoli che vivono con Gesù —il Figlio di Dio!— che discutono su chi... Si potrebbe dire che questi “grandi” si comportano come bambini. Se solo fossero più bambini e meno adulti! Gesù gli invita a imitare i bambini (nella loro semplicità, piccolezza ...). «Prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: 'Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me'».

-O diventiamo “bambini”, o rimaniamo senza Gesù. Forse non fu casuale che Dio venne al mondo come un bambino!