Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: 21 Settembre: San Matteo, Apostolo ed evangelista

Testo del Vangelo (Mt 9,9-13): In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi celebriamo la santità di un vecchio “esattore delle tasse”. Gesù accoglie nel gruppo dei suoi intimi un’uomo che, secondo la concezione di quel tempo a Israele, era considerato come un peccatore pubblico per il fatto di raccogliere le tasse al servizio dell'Impero romano. Matteo ha del merito: rinunciò a una posizione "confortevole" e "sicura" per diventare un vero servitore pubblico come apostolo di Dio.

—«Misericordia io voglio e non sacrifici»: Gesù non esclude nessuno dalla sua amicizia!