Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Venerdì, XX settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 22,34-40): «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti». In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». Gli rispose: «“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Illustrazione: Francesc Badia

Oggi provano Gesù e lo interrogano per vedere se dice qualcosa di “nuovo”. E, sorpresa!: Quello di Gesù Cristo è novitoso ma non nuovo. Come Figlio del Padre, quello che fa è sollevare la Legge e i Profeti verso un nuovo orizzonte: figli di Dio!

—Dio non è il" dio "che noi inventiamo. Gesù ce lo mostra come un Padre che mendica amore tra i suoi figli ed esige di amarci l'un l'altro come fratelli.