Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Ultima newsletter: Lancio dell'edizione in cinese
Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Ascensione del Signore (C)

Testo del Vangelo (Lc 24,46-53): «Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo». In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».

Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi Gesù va in paradiso. Dice addio ai discepoli: chiede loro di predicare il suo insegnamento in tutto il mondo. Vedono Gesù sale e sale, finché una nuvola lo nasconde. E, sorpresa! «sono tornati a Gerusalemme pieni di gioia». Non sono tristi perché, anche se non vedono più Gesù come prima, lo sentono vicino, molto vicino!

—Attraverso lo Spirito Santo, Dio è presente nelle nostre anime: quindi è ancora più facile parlare con Dio. Infatti, i discepoli andarono al Tempio per continuare a parlare con Gesù. Vai anche tu?