Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Mercoledì VII di Pasqua

Testo del Vangelo (Gv 17,11b-19): «Consacrali nella verità. La tua parola è verità». In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:] «Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi. Quand’ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura.

»Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi siamo ancora immersi nella preghiera di Gesù. Ora chiede per noi. Cristo si prende cura delle nostre vite. Vuole anche che noi abbiamo la sua stessa gioia: è per questo che implora Dio di proteggerci dal Maligno. Il miglior scudo per la nostra difesa è la verità. E la Parola di Gesù, la verità, è raccolta nella Bibbia, in particolare nei Vangeli.

—Viviamo come se tutto fosse “vero”: dipenderebbe da ciò che piace o è utile a ciascuno. Ma questo è serio? La vita non va in questa direzione! —Gesù, grazie per le tue parole.