Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Ultima newsletter: Lancio dell'edizione in cinese
Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (C)

Testo del Vangelo (Lc 9,11b-17): Gesù prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà. In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente».

C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Illustrazione: Francesc Badia

Oggi assistiamo al miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci: era una prefigurazione dell'Eucaristia. Tutti mangiarono! Furono soddisfatti! C'era per tutti e anche rimasero! Questo è l'amore di Dio: abbondante fino all'infinito.

—Secoli più tardi, il Corpo di Cristo generosamente sacrificato (e risorto!) viene ancora diviso e distribuito ogni giorno tra milioni e milioni di seguaci. Continua a rimanere per tutti: i “limiti” li poniamo noi con la nostra mancanza di fede.