Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Martedì, XIII settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 8,23-27): Lo svegliarono dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, uomini di poca fede?». In quel tempo, essendo Gesù salito su una barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco scatenarsi nel mare una tempesta così violenta che la barca era ricoperta dalle onde; ed egli dormiva. Allora, accostatisi a lui, lo svegliarono dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, uomini di poca fede?». Quindi levatosi, sgridò i venti e il mare e si fece una grande bonaccia. I presenti furono presi da stupore e dicevano: «Chi è mai costui al quale i venti e il mare obbediscono?».

Oggi gli Apostoli sono imbarcati in mezo di una tempesta. Gesù è con loro, ma dorme. Essi, disperati, lo svegliano: affonderemo! Il Signore dei cieli e dei mari «sgridò i venti e il mare e si fece una grande bonaccia».

—«Perché avete paura? ». La domanda rimane. Gesù “dorme” nell'Eucaristia, nella intimità dei nostri tempi. Gesù “dorme”, ma Dio vede tutto ed è in tutto. In caso contrario, la barca della Chiesa sarebbe scomparsa secoli fa. Non è forse vero?