Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: XXII Domenica (A) del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 16,21-27): Gesù, voltandosi, disse a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!». In quel tempo, Gesù cominciò a dire apertamente ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. Ma Pietro lo trasse in disparte e cominciò a protestare dicendo: «Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Qual vantaggio infatti avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero, e poi perderà la propria anima? O che cosa l’uomo potrà dare in cambio della propria anima? Poiché il Figlio dell’uomo verrà nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e renderà a ciascuno secondo le sue azioni».

Illustrazione: Pau Morales

Oggi Gesù risponde a Simon Pietro in un modo molto forte. Che rimprovero! Pochi secondi prima, Pietro ha confessato che Gesù è il Figlio di Dio e, a sua volta, Cristo gli conferisce il primato della Chiesa (è il primo Papa!). Ma Gesù, parlando con loro in modo confidenziale, aggiunge che verrà condannato... Simone rifiuta di accettare la Passione del Signore: «Questo non ti accadrà mai»

—Pietro sta pensando come un semplice “direttore” di una ditta... ed è diventato schiavo del successo. Ma Dio è Dio e la sua logica è diversa: il suo successo è “donarsi per amore”.