Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Venerdì, XXII settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Lc 5,33-39): Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. In quel tempo, i farisei e i loro scribi dissero a Gesù: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere; così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!». Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno».

Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti. Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi. Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi Gesù Cristo, con l'arte del buon maestro, ci avvisa del pericolo della comodità interiore. Certe volte ci abituiamo a “superare alla meglio”, con rutina, senza rischiare (“già vado a Messa”, “io già faccio”, “...). Dobbiamo rinnovarci anche nella vita spirituale!

—La vita cambia e quello che animò la mia anima anni fa, forse, ora la addormenta. Il giorno delle tue nozze, ti “vesti” come per la Prima Comunione? No, vero? Allora, davanti a Dio, perché ti esigi come un bambino —piuttosto meno— e non come un uomo?