Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Venerdì, XXIII settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Lc 6,39-42): Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio?». In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro. Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi ascoltiamo la parabola del cieco che guida un altro cieco ... Entrambi cadranno contemporaneamente nello stesso buco. Molto attuale!: Viviamo in un'epoca in cui ci facciamo i "coraggiosi" per la vita, ma infatti siamo piuttosto schiavi delle mode (vestiti, giocattoli, automobili ...). Per essere un leader capace di aiutare gli altri, si deve essere "critico" ed esigente con uno stesso.

- «Se non hai un amico che ti corregge, paga un nemico per farlo».