Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Sabato, XXV settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Lc 9,43b-45): Essi non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento. In quel giorno, mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, Gesù disse ai suoi discepoli: «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini». Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.

Illustrazione: Pau Morales

Oggi leggiamo che «tutti» erano stupiti da quello che stava facendo Gesù. Ma non accettavano l'annuncio che Cristo fa della Sua Passione. Nemmeno Simone Pietro lo capiva. E non siamo cambiati! Siamo ancora schiavi del successo! Ci piace trionfare ... ma senza troppi sforzi. Vale a dire: ci piace trionfare semplicemente perché trionfare è “piacevole”. Ma non vogliamo sapere nulla del “non-piacevole” (sacrificio). Libertà senza impegno, amore libero (con divorzio), vivere tranquilli (anche con l’aborto, se fosse più “conveniente”) ...

—Gesù senza croce ... Un “dio-buffone”, un “dio-jolli”, un “dio” a mia misura ... Non c'è traccia di eternità qui. Un “dio” come quello ha data di scadenza.