Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: 22 Ottobre: San Giovanni Paolo II, papa

Testo del Vangelo (Gv 21,15-17): In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse «Mi vuoi bene?», e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore». In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli». Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore». Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi celebriamo San Giovanni Paolo II, il “Papa parroco del mondo” (percorse tanti chilometri per viaggiare due volte sulla Luna). Il suo pontificato è stato uno dei più lunghi della storia (quasi 27 anni), durante il quale ha affrontato tutti gli aspetti della vita della Chiesa. Fu una delle personalità più influenti del ventesimo secolo. Si dice che sia il Papa che non potrebbe leggere tutto ciò che scrisse... Il vescovo Wojtyla fu uno dei più giovani padri conciliari del Vaticano II.

—Dopo essere stato eletto Vescovo di Roma (1978), il Primate di Polonia —il leggendario Cardinale Wyszynski— disse al nuovo Papa: «Dirigerai la Chiesa del Concilio fino al terzo millennio». Né gli attacchi fatali che subì né la sua lunga e grave malattia potrebbero impedirlo!