Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: 14 Settembre: Esaltazione della Santa Croce

Testo del Vangelo (Gv 3,13-17): Gesù disse a Nicodèmo: «Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna». In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi troviamo di nuovo Nicodemo conversando con Gesù. Conversazione “ad alto livello”. E di che cosa si parla ad un livello così alto? Senz’altro che Gesù è sceso dal cielo per salire sulla Croce. Questo è incredibile, inimmaginabile!

—Magari pensi che, insomma, questo non è così importante ... beh, è il contrario: è molto importante! Ti giochi la vita eterna, né più né meno.