Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Sabato Santo

Testo del Vangelo ( ):

La morte di Cristo

Rev. D. Antoni CAROL i Hostench
(Sant Cugat del Vallès, Barcelona, Spagna)

Oggi, regna il silenzio in tutta la creazione: Gesù giace morto nella tomba. Non ci sono celebrazioni nei tempi cattolici: Dio -il Creatore- realmente è morto per le sue creature. Mistero nel mistero!, davanti al quale dobbiamo prostrarci in attitudine di adorazione e sommissione.

A Betlemme, un Dio "con" e "in" pannolini; nel Getsemani, un Dio esausto, fino a sudare sangue; in Gerusalemme, un Dio giudicato, deriso e coronato di spine; sulla croce, un Dio morto. Per amare bisogna perdersi: Dio –giunta l’ora estrema da Lui disposta-, ha "perso" la vita. Nessun'altra religione, mai, aveva predicato un fatto simile. Nessun’altro "Dio" così folle d’amore come Gesù Cristo.

-Santa Maria, Madre Addolorata: perdonaci. Tu avesti cura di Gesù per oltre trenta anni. Ma quando cadde nelle mani degli uomini, visse appena dodici ore ... Ora, miracolosamente, lo abbiamo -sofferto, morto e risorto- nell'Eucaristia. La mia vita sarà prender cura di lui!