Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Feria propria del 21 Dicembre

Testo del Vangelo (Lc 1,39-45): In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo (...)».

La Visitazione: Lì, dove arriva Maria, si rende presente Gesù

REDAZIONE evangeli.net (tratte da testi di Benedetto XVI)
(Città del Vaticano, Vaticano)

Oggi, Maria va a visitare sua cugina Isabella, ormai anziana, da tutti considerata sterile. E’, tuttavia, al sesto mese di una gestazione che è un dono di Dio. La Vergine porta nel suo grembo Gesù, appena concepito. E’ una ragazza giovane, ma non ha paura perché Dio è con Lei, dentro di Lei.

Quando entra in casa di Isabella, il suo saluto è pieno di grazia: Giovanni salta dalla gioia nel ventre di sua madre, quasi percepisse la presenza di Colui che in un domani annuncerà ad Israele. In questo incontro, il protagonista silenzioso è Gesù. Maria Lo porta nel suo seno diventato sacrario e ce lo offre come il più sacro dei doni. Lì, dove arriva Maria, si rende presente Gesù

-L’allegria deve essere sempre comunicata e condivisa; la Vergine Maria fu immediatamente a comunicarla a santa Isabella. Questo è il mio impegno autentico in questo Avvento: portare agli altri la più grande gioia: il Natale.