Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Mercoledì, XIV settimana del Tempo Ordinario

Testo del Vangelo (Mt 10,1-7): Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. In quel tempo, chiamati a sé i suoi dodici discepoli, Gesù diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. I nomi dei dodici apostoli sono: primo, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello; Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello; Filippo e Bartolomeo; Tommaso e Matteo il pubblicano; Giacomo, figlio di Alfeo, e Taddeo; Simone il Cananeo e Giuda l’Iscariota, colui che poi lo tradì. Questi sono i Dodici che Gesù inviò, ordinando loro: «Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino».

Illustrazione: Pili Piñero

Oggi stiamo assistendo a un momento importante della fondazione della Chiesa: Gesù sceglie i loro “primi” apostoli. Perché “i primi” tra virgolette? Perché Dio ci sceglie tutti! Quegli dodici, Pietro, Andrea, Giacomo, Giovanni, Filippo ... furono i “primi”. Recentemente, la Chiesa ha subito un profondo cambiamento di mentalità: sono scelti tutti i battezzati, siamo tutti apostoli. E 'un grande onore!

—Se prendiamo sul serio, immagini come si può cambiare il mondo? E io, cosa posso fare? Predicare con l’esempio: lavora bene, obbedisci bene, prega bene, ama bene, sorridi bene ...