Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Temi Misteri Rosario Gloria Incoronazione Maria Santissima

Temi evangeli.net

Gesù nei Misteri del Rosario

Misteri della Gloria
  1. L'incoronazione di Maria Santissima

Seguendo l'idea del parallelismo tra Gesù Cristo e sua Madre, anche Lei partecipa in un modo eminente della gloria di Gesù Cristo nei Cieli. Cristo regna, gli è stato dato tutto il potere; d'altra parte, la Vergine viene incoronata —riconosciuta— come regina di tutto ciò che è stato: cielo e terra. Quella Regina è nostra Madre! Il suo regno è come quello di Gesù Cristo, suo Figlio: servire, servici! (Leggere più: «Ecco la serva del Signore»).

***

 

1º) «Una donna rivestita di sole; la luna stava sotto i suoi piedi; e intorno al suo capo una corona di dodici stelle» (Ap 12,1). La bellezza della Madre di Dio non potrebbe essere meglio descritta: è come rivestita di Dio stesso —il Sole dei soli— e il resto del cosmo (luna, stelle ...) sono sotto la sua potestà e sono presenti nella sua mente (nel suo cuore di Madre).

San Massimiliano Mª Kolbe sollevò un'audace discussione sul “potere” della Vergine: poiché per la concessione della più grande grazia mai data a una creatura (divina maternità) l'Altissimo chiese a Maria il permesso, quindi —conclude il padre Kolbe—: «nessuna grazia è concessa senza che Gesù chieda il permesso a Maria». E, poiché Gesù ci ha dato Maria come Madre, il “sì” il permesso lo abbiamo già sicuro. Lei regna con l'amore di una madre! (Leggere più: Beata Vergine Maria Regina).

 

2º) «E vidi un cielo nuovo e una terra nuova (…). Vidi anche la città santa, la Gerusalemme nuova, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo» (Ap 21,1-2). Ancora una volta l'Apocalisse di San Giovanni! Quando è stata descritta questa visione, Maria era già stata assunta in Cielo ... Qualunque cosa fosse —Santa Maria era già parte del Cielo—, la citazione serve a introdurre un'altra bellissima intuizione di Papa Ratzinger: Il cielo non è più per noi una sfera molto lontana e sconosciuta. Nel cielo abbiamo una madre! Maria, in Dio è regina del cielo e della terra. Proprio perché è con Dio e in Dio, è vicinissima ad ognuno di noi (Leggere più: Il cielo ha un cuore).

 

3º) «Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo» (Lc 1,44). Il nostro viaggio lungo i Misteri del Rosario è iniziato con il gioioso saluto di San Michele Arcangelo a Santa Maria («Rallegrati, Maria!»). Abbiamo completato questo percorso con il giubilo di Santa Elisabetta e San Giovanni Battista, che senza essere nato già saltava di gioia.

Quell'incontro tra Maria ed Elisabetta (nella casa di Zaccaria) magari sia una luce della gioia del Cielo, dove Dio sarà tutto per tutti (cfr. 1Cor 15,28). Viviamo questo anticipo come Papa Francesco ci ha chiesto: «Queste due donne si incontrano e lo fanno con gioia: quel momento è una vera festa! Se imparassimo questo servizio di andare ad incontrare gli altri, come cambierebbe il mondo!».