Il nostro sito utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente e consigliamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare appieno la navigazione

Un team di 200 sacerdoti commenta il Vangelo del giorno

Vedere altri giorni:

Giorno liturgico: Lunedì, XVI settimana del Tempo Ordinario

Prima Lettura (Mich 6:1-4.6-8): Ascoltate dunque ciò che dice il Signore: «Su, illustra la tua causa ai montie i colli ascoltino la tua voce!». Ascoltate, o monti, il processo del Signore, o perenni fondamenta della terra, perché il Signore è in causa con il suo popolo, accusa Israele. «Popolo mio, che cosa ti ho fatto? In che cosa ti ho stancato? Rispondimi. Forse perché ti ho fatto uscire dalla terra d’Egitto, ti ho riscattato dalla condizione servile e ho mandato davanti a te Mosè, Aronne e Maria?». «Con che cosa mi presenterò al Signore, mi prostrerò al Dio altissimo? Mi presenterò a lui con olocausti, con vitelli di un anno? Gradirà il Signore migliaia di montoni e torrenti di olio a miriadi? Gli offrirò forse il mio primogenito per la mia colpa, il frutto delle mie viscere per il mio peccato?». Uomo, ti è stato insegnato ciò che è buono e ciò che richiede il Signore da te: praticare la giustizia, amare la bontà, camminare umilmente con il tuo Dio.
Salmo Responsoriale: 49
R/. A chi cammina per la retta via, mostrerò la salvezza di Dio.
«Davanti a me riunite i miei fedeli, che hanno stabilito con me l’alleanza offrendo un sacrificio».
I cieli annunciano la sua giustizia: è Dio che giudica.

«Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici, i tuoi olocàusti mi stanno sempre davanti. Non prenderò vitelli dalla tua casa né capri dai tuoi ovili».

«Perché vai ripetendo i miei decreti e hai sempre in bocca la mia alleanza, tu che hai in odio la disciplina e le mie parole ti getti alle spalle?

Hai fatto questo e io dovrei tacere? Forse credevi che io fossi come te! Ti rimprovero: pongo davanti a te la mia accusa. Chi offre la lode in sacrificio, questi mi onora».
Versetto prima del Vangelo (Sal 94,8): Alleluia, alleluia. Oggi non indurite il vostro cuore, ma ascoltate la voce del Signore. Alleluia.

Testo del Vangelo (Mt 12,38-42): In quel tempo, alcuni scribi e farisei interrogarono Gesù: «Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno». Ed egli rispose: «Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. Quelli di Ninive si alzeranno a giudicare questa generazione e la condanneranno, perché essi si convertirono alla predicazione di Giona. Ecco, ora qui c’è più di Giona! La regina del sud si leverà a giudicare questa generazione e la condannerà, perché essa venne dall’estremità della terra per ascoltare la sapienza di Salomone; ecco, ora qui c’è più di Salomone!».

«Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno»

P. Joel PIRES Teixeira
(Faro, Portogallo)

Oggi, Gesù è posto a prova da "alcuni scribi e farisei" (Mt 12,38; Mc 10,12), che si sentono minacciati dalla persona di Gesù, non per ragioni di fede, ma di potere. Per la paura di perdere il loro potere, cercano di screditare Gesù, provocandolo. Questi "alcuni" spesso siamo noi stessi quando siamo portati via dal nostro egoismo e gli interessi individuali. Oppure, quando guardiamo la Chiesa come una realtà meramente umana e non come un progetto d'amore di Dio per ciascuno di noi.

La risposta di Gesù 'è chiara: «Nessun segno sarà dato loro» (cfr Mt 12,39), non per paura, ma per sottolineare e ricordare che i “segni” sono il rapporto di comunicazione e di amore tra Dio e l'umanità; Questo non è un rapporto tra interessi e poteri individuali. Gesù ricorda che ci sono molti segnali dati da Dio; e non è con la provocazione o il ricatto che si arriva a Lui.

Gesù è il segno più grande. In questo giorno la Parola è un invito per ciascuno di noi a capire, con umiltà, che solo un cuore convertito, rivolto a Dio, è in grado di ricevere, interpretare e vedere questo segnale che è Gesù. L'umiltà è la realtà che ci porta non solo a Dio, ma anche all'umanità. Per l’umiltà riconosciamo i nostri limiti e virtù, ma soprattutto vediamo gli altri come fratelli e Dio come Padre.

Come ricordava Papa Francesco, «Il Signore è veramente paziente con noi! Non si stanca mai di riricominciare dall'inizio ogni volta che cadiamo». Così, nonostante i nostri difetti e le provocazioni, il Signore è con le braccia aperte per accogliere e ricominciare. Cerchiamo dunque che la nostra vita, e oggi particolarmente, questa parola si faccia realtà in noi. La gioia del cristiano è nell’essere riconosciuto dall'amore che si vede nella sua vita, l'amore che sgorga da Gesù.

«Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno»

+ Rev. D. Lluís ROQUÉ i Roqué
(Manresa, Barcelona, Spagna)

Oggi, contempliamo nel Vangelo che alcuni maestri della Legge e farisei, avrebbero desiderato desiderano che Gesù dimostri la Sua procedenza divina con qualche segno prodigioso (cf. Mt 12,38). Ne aveva già realizzati molti, sufficienti per dimostrare non solo che `veniva´da Dio, ma che `era´ Dio. Ma, nonostante i molti miracoli realizzati, non li consideravano prove sufficienti: naturalmente anche se ne avesse fatti altri non gli avrebbero creduto.

Gesù, in tono profetico, cogliendo l’occasione da un segno prodigioso dell’Antico Testamento, annuncia la Sua morte, sepoltura e risurrezione; «Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra» (Mt 12,40), uscendone pieno di vita.

Gli abitanti di Ninive, per mezzo della conversione e la penitenza, riacquistarono l’amicizia con Dio. Anche noi, per mezzo della conversione, la penitenza ed il battesimo, siamo stati sepolti con Cristo, e viviamo per Lui ed in Lui, adesso e per sempre, al aver realizzato un autentico passo “pasquale”: passaggio dalla morte alla vita, dal peccato alla grazia. Liberati dalla schiavitù del demonio, arriviamo ad essere figli di Dio. E’ “il grande prodigio”, che illustra la nostra fede e la speranza di vivere amando come Iddio vuole, per possedere Dio Amore in pienezza.

Grande prodigio tanto quello della Pasqua di Gesù, come il nostro, mediante il battesimo. Nessuno li ha visti, giacché Gesù uscì dal sepolcro, pieno di vita, e noi dal peccato, pieni di vita divina. Lo crediamo e viviamo evitando di cadere nell’incredulità di quelli che `vogliono vedere per credere´, o di quelli che vorrebbero la Chiesa senza `l’opacità´ degli uomini che la componiamo. Basti l’evento Pasquale di Cristo, che così profondamente riverbera su tutti gli uomini ed in tutta la creazione, ed è causa di tanti “miracoli della grazia”.

La Vergine Maria ebbe fiducia nella Parola di Dio e non ebbe bisogno di correre al sepolcro per imbalsamare il corpo di Suo Figlio e per verificare che il sepolcro fosse vuoto: semplicemente credette e “vide”.